Lo scopo di quest’opera è l’illustrazione del regime della successione testamentaria attraverso l’esegesi delle Istituzioni di Gaio e di Giustiniano, dei testi relativi alla chiusura, sigillazione e apertura del testamento e di alcuni casi concreti tratti dal Digesto giustinianeo che esemplificano le nozioni di carattere generale dei due manuali predetti. Sono inoltre citati e spesso esaminati, a completamento dell’analisi delle fonti succitate, i passi paralleli provenienti da fonti giuridiche pregiustinianee (Collatio, Consultatio veteris cuiusdam iurisconsulti, Epitome Gai, Fragmenta Augustodunensia, Fragmenta Vaticana, Legge delle dodici Tavole, Novelle Post-teodosiane, Pauli Sententiae, Tituli ex corpore Ulpiani), giustinianee (Istituzioni, Digesto, Codice, Novelle) e postgiustinianee (Basilici, Parafrasi di Teofilo), qualche documento della prassi testamentaria classica (affermatasi a Roma e nelle province), vari testi di autori della letteratura latina non giuridica (Cicerone, Gellio, Isidoro di Siviglia, Orazio, Persio, Plinio, Svetonio, Vitruvio) legati alla disciplina del testamento, alcuni articoli del Codice civile italiano attualmente in vigore in materia testamentaria. Le principali problematiche qui affrontate (sempre secondo criteri strettamente esegetici) sono quelle discusse nell’ambito della dottrina romanistica del Novecento e contemporanea, come ad es. la disciplina speciale del testamento militare (la quale costituisce l’archetipo della nozione teorica di “diritto singolare” in quanto contrapposta a quella di “diritto comune”), le forme di testamento, la tipologia delle cause di invalidità, il rapporto fra testamento e codicilli, la portata storica dei fedecommessi e il contributo di questi alla dissoluzione del formalismo negoziale, il regime degli atti eversivi del testamento.

Scotti, F. S., Il testamento nel diritto romano. Studi esegetici, Aracne, Roma 2012:<<LE VIE DEL DIRITTO>>,1 856 [http://hdl.handle.net/10807/28612]

Il testamento nel diritto romano. Studi esegetici

Scotti, Francesca Silvia
2012

Abstract

Lo scopo di quest’opera è l’illustrazione del regime della successione testamentaria attraverso l’esegesi delle Istituzioni di Gaio e di Giustiniano, dei testi relativi alla chiusura, sigillazione e apertura del testamento e di alcuni casi concreti tratti dal Digesto giustinianeo che esemplificano le nozioni di carattere generale dei due manuali predetti. Sono inoltre citati e spesso esaminati, a completamento dell’analisi delle fonti succitate, i passi paralleli provenienti da fonti giuridiche pregiustinianee (Collatio, Consultatio veteris cuiusdam iurisconsulti, Epitome Gai, Fragmenta Augustodunensia, Fragmenta Vaticana, Legge delle dodici Tavole, Novelle Post-teodosiane, Pauli Sententiae, Tituli ex corpore Ulpiani), giustinianee (Istituzioni, Digesto, Codice, Novelle) e postgiustinianee (Basilici, Parafrasi di Teofilo), qualche documento della prassi testamentaria classica (affermatasi a Roma e nelle province), vari testi di autori della letteratura latina non giuridica (Cicerone, Gellio, Isidoro di Siviglia, Orazio, Persio, Plinio, Svetonio, Vitruvio) legati alla disciplina del testamento, alcuni articoli del Codice civile italiano attualmente in vigore in materia testamentaria. Le principali problematiche qui affrontate (sempre secondo criteri strettamente esegetici) sono quelle discusse nell’ambito della dottrina romanistica del Novecento e contemporanea, come ad es. la disciplina speciale del testamento militare (la quale costituisce l’archetipo della nozione teorica di “diritto singolare” in quanto contrapposta a quella di “diritto comune”), le forme di testamento, la tipologia delle cause di invalidità, il rapporto fra testamento e codicilli, la portata storica dei fedecommessi e il contributo di questi alla dissoluzione del formalismo negoziale, il regime degli atti eversivi del testamento.
Italiano
Monografia o trattato scientifico
Aracne
Il volume è stato pubblicato con il parziale contributo del Fondo dell'Università Cattolica del Sacro Cuore sulla linea D.3.1 - anno 2011, erogato in base alla valutazione dei risultati della ricerca contenuti nel presente lavoro.
Scotti, F. S., Il testamento nel diritto romano. Studi esegetici, Aracne, Roma 2012:<<LE VIE DEL DIRITTO>>,1 856 [http://hdl.handle.net/10807/28612]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/28612
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact