Proust e il romanzo della coscienza