"Non muoiono i vestiti": stili di povertà e circuiti degli abiti