"Pro statu isto": l'appello dell'uomo all'infinito