Il sentire dello scienziato. Leopardi, Ruysch e Copernico tra evidenza e sapere