Carlo Borromeo e lo strano caso di un "opuscolo" del '600