L’ambizione di questa raccolta è di trovare, attraverso questioni reperite nella pratica analitica, i punti di incrocio tra quella nozione “operativa” di verità che è propria dell’inconscio freudiano, e le chances del soggetto “moderno” (e post[?]moderno) a capacitarsi, e in qual guisa, come modificato-modificabile da un certo sapere: di cui non può disfarsi (dato che muove le sue articolazioni da marionetta), senza peraltro sapere che farsene (e sarebbe il venire a capo del suo desiderio), quel sapere che con Freud chiamiamo “l’inconscio”. Con questo testo si intende dunque ritagliare almeno la connessione tra il conclamato determinismo dei processi psichici e la questione della capacità etica del soggetto, così come può porsi nella psicoanalisi, ed affrontare alcuni interrogativi inevitabili nel discorso analitico: può una pratica di discorso istituirsi come pratica di mutamento? Come si produce nella psicoanalisi, e come si necessita, la problematica del suo statuto teorico? Che reale tocca la costruzione della/nella teoria? E ancora: in che cosa la psicoanalisi si distanzia dalla scienza, essa pure pratica di discorso? E in che cosa vi si eguaglia?

Maiocchi, M. T. (ed.), Determinismo, psicoanalisi, conoscenza. Ciò che alla scienza non torna, ETS, Pisa 1988: 184 [http://hdl.handle.net/10807/24340]

Determinismo, psicoanalisi, conoscenza. Ciò che alla scienza non torna

Maiocchi
1988

Abstract

L’ambizione di questa raccolta è di trovare, attraverso questioni reperite nella pratica analitica, i punti di incrocio tra quella nozione “operativa” di verità che è propria dell’inconscio freudiano, e le chances del soggetto “moderno” (e post[?]moderno) a capacitarsi, e in qual guisa, come modificato-modificabile da un certo sapere: di cui non può disfarsi (dato che muove le sue articolazioni da marionetta), senza peraltro sapere che farsene (e sarebbe il venire a capo del suo desiderio), quel sapere che con Freud chiamiamo “l’inconscio”. Con questo testo si intende dunque ritagliare almeno la connessione tra il conclamato determinismo dei processi psichici e la questione della capacità etica del soggetto, così come può porsi nella psicoanalisi, ed affrontare alcuni interrogativi inevitabili nel discorso analitico: può una pratica di discorso istituirsi come pratica di mutamento? Come si produce nella psicoanalisi, e come si necessita, la problematica del suo statuto teorico? Che reale tocca la costruzione della/nella teoria? E ancora: in che cosa la psicoanalisi si distanzia dalla scienza, essa pure pratica di discorso? E in che cosa vi si eguaglia?
Italiano
887741415
Maiocchi, M. T. (ed.), Determinismo, psicoanalisi, conoscenza. Ciò che alla scienza non torna, ETS, Pisa 1988: 184 [http://hdl.handle.net/10807/24340]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/24340
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact