«Versando calde lacrime, come fonte di acqua cupa» (Omero, 'Iliade', 16,3)