Vanità del pensiero, serietà del corpo: una (contro)genealogia della modernità