Viri laudabiles e viri honesti in età tardoantica: alcune considerazioni