Dalla natia Polonia alla "irraggiungibile Russia", la figura di Karol Wojtyla ha segnato la svolta verificatasi nei Paesi dell'Europa centro-orientale con la caduta del muro di Berlino. Il proseguimento della sperimentata Ostpolitik. Il nuovo ruolo del Papa, slavo e mitteleuropeo, con i suoi rapporti diretti con popoli e governanti. I viaggi pastorali, sempre più numerosi a partire dal 1989, nei Paesi che sostanziano la "variabile orientale dell'identità europea". Sono questi fattori che hanno contribuito, nei nuovi Stati nati dalla frantumazione dell'Impero sovietico, all'affermarsi di una maggiore tutela della libertà religiosa e con essa di tutte le altre libertà che caratterizzano gli ordinamenti giuridici dei Paesi democratici. Questo volume, attraverso l'analisi delle relazioni tra Stato e Chiesa cattolica in alcuni tra i Paesi più significativi dell'ex blocco sovietico (Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Federazione Russa), si interroga sul ruolo e sul significato delle istituzioni ecclesiastiche e della Chiesa di Giovanni Paolo II nel processo di democratizzazione di un'area geopolitica di importanza strategica per il futuro dell'Europa. L'opera è completata da un'ampia e dettagliata raccolta dei più significativi documenti legislativi sul tema della libertà religiosa e della condizione giuridica delle Chiese (Costituzioni, Concordati, Leggi sulla libertà religiosa e sulla condizione delle confessioni religiose ecc.) nei Paesi dell'Europa centro-orientale.

Chizzoniti, A. G. M. (ed.), Chiesa cattolica ed Europa centro-orientale. Libertà religiosa e processo di democratizzazione, Vita e Pensiero, Milano 2004: XIV - 724

Chiesa cattolica ed Europa centro-orientale. Libertà religiosa e processo di democratizzazione

Chizzoniti, Antonio Giuseppe Maria
2004

Abstract

Dalla natia Polonia alla "irraggiungibile Russia", la figura di Karol Wojtyla ha segnato la svolta verificatasi nei Paesi dell'Europa centro-orientale con la caduta del muro di Berlino. Il proseguimento della sperimentata Ostpolitik. Il nuovo ruolo del Papa, slavo e mitteleuropeo, con i suoi rapporti diretti con popoli e governanti. I viaggi pastorali, sempre più numerosi a partire dal 1989, nei Paesi che sostanziano la "variabile orientale dell'identità europea". Sono questi fattori che hanno contribuito, nei nuovi Stati nati dalla frantumazione dell'Impero sovietico, all'affermarsi di una maggiore tutela della libertà religiosa e con essa di tutte le altre libertà che caratterizzano gli ordinamenti giuridici dei Paesi democratici. Questo volume, attraverso l'analisi delle relazioni tra Stato e Chiesa cattolica in alcuni tra i Paesi più significativi dell'ex blocco sovietico (Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Federazione Russa), si interroga sul ruolo e sul significato delle istituzioni ecclesiastiche e della Chiesa di Giovanni Paolo II nel processo di democratizzazione di un'area geopolitica di importanza strategica per il futuro dell'Europa. L'opera è completata da un'ampia e dettagliata raccolta dei più significativi documenti legislativi sul tema della libertà religiosa e della condizione giuridica delle Chiese (Costituzioni, Concordati, Leggi sulla libertà religiosa e sulla condizione delle confessioni religiose ecc.) nei Paesi dell'Europa centro-orientale.
Italiano
88-343-0956-1
Vita e Pensiero
Chizzoniti, A. G. M. (ed.), Chiesa cattolica ed Europa centro-orientale. Libertà religiosa e processo di democratizzazione, Vita e Pensiero, Milano 2004: XIV - 724
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/215191
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact