La definizione e l’aggiornamento dei Lea prevede la collaborazione del livello centrale, il quale definisce le prestazioni essenziali da garantire ai tutti i cittadini, e il livello regionale, al quale è invece assegnata la responsabilità dell’erogazione dei Lea stessi, sia dal punto di vista organizzativo che finanziario. L’Hta offre un prezioso contributo alla definizione dei criteri d’inclusione ed esclusione che determinano l’inserimento delle prestazioni sanitarie nei Lea che possono essere determinati in base alla struttura/servizio (approccio tradizionalmente ed attualmente seguito), ai Pdta, agli esiti. In particolare: • Nel caso in cui il Lea sia definito come struttura/servizio, il processo di Hta ha come oggetto l’analisi delle implicazioni dell’adozione di un determinato modello di erogazione sotteso alla struttura o servizio attivati. • Nel caso il Lea sia un percorso (es. una procedura chirurgica, o un programma di screening), l’Hta dovrà chiarire le condizioni di appropriatezza, allorché ogni prestazione è prevista solo in un determinato momento clinico. Questo permette di avere una consistenza con quanto previsto dalle linee guida costruite sulla base di evidenze scientifiche derivanti dalla letteratura. Tale approccio permette di superare la definizione di una precaria lista di condizioni per cui ogni singola prestazione è da considerarsi appropriata. • Considerare ed identificare i Lea rispetto agli esiti di salute che si intende conseguire esprime un impegno sul risultato unitamente alla complessità gestionale ed operativa, e richiede, in fase di implementazione, un forte consenso intorno ai livelli di esito che si intendono raggiungere. L’Hta in questo caso ha l’obiettivo di valutare le implicazioni dell’adozione del Lea in termini di contributo ad esiti clinici misurabili. Sono stati individuati i punti di forza e di debolezza di ogni modalità di identificazione dei Lea sia sotto il profilo organizzativo, economico e di implementazione e monitoraggio, specificando anche il ruolo dell’Hta in ogni singola fase del processo di individuazione.

Cicchetti, A., Marchetti, M., Iacopino, V., Giorgi Rossi, P., Fiore, A., Coretti, S., Saverio Mennini, F., IL RUOLO DELL’HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT NELLA DEFINIZIONE DEI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA, in Americo Cicchett, A. C. (ed.), Health Policy Forum 2010-2020. L’evoluzione culturale e l’adozione dell’Hta in Italia. Undici anni di lavori, Kos Editrice, Roma 2021: 99- 123 [http://hdl.handle.net/10807/206834]

IL RUOLO DELL’HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT NELLA DEFINIZIONE DEI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA

Cicchetti, Americo;Iacopino, Valentina;
2021

Abstract

La definizione e l’aggiornamento dei Lea prevede la collaborazione del livello centrale, il quale definisce le prestazioni essenziali da garantire ai tutti i cittadini, e il livello regionale, al quale è invece assegnata la responsabilità dell’erogazione dei Lea stessi, sia dal punto di vista organizzativo che finanziario. L’Hta offre un prezioso contributo alla definizione dei criteri d’inclusione ed esclusione che determinano l’inserimento delle prestazioni sanitarie nei Lea che possono essere determinati in base alla struttura/servizio (approccio tradizionalmente ed attualmente seguito), ai Pdta, agli esiti. In particolare: • Nel caso in cui il Lea sia definito come struttura/servizio, il processo di Hta ha come oggetto l’analisi delle implicazioni dell’adozione di un determinato modello di erogazione sotteso alla struttura o servizio attivati. • Nel caso il Lea sia un percorso (es. una procedura chirurgica, o un programma di screening), l’Hta dovrà chiarire le condizioni di appropriatezza, allorché ogni prestazione è prevista solo in un determinato momento clinico. Questo permette di avere una consistenza con quanto previsto dalle linee guida costruite sulla base di evidenze scientifiche derivanti dalla letteratura. Tale approccio permette di superare la definizione di una precaria lista di condizioni per cui ogni singola prestazione è da considerarsi appropriata. • Considerare ed identificare i Lea rispetto agli esiti di salute che si intende conseguire esprime un impegno sul risultato unitamente alla complessità gestionale ed operativa, e richiede, in fase di implementazione, un forte consenso intorno ai livelli di esito che si intendono raggiungere. L’Hta in questo caso ha l’obiettivo di valutare le implicazioni dell’adozione del Lea in termini di contributo ad esiti clinici misurabili. Sono stati individuati i punti di forza e di debolezza di ogni modalità di identificazione dei Lea sia sotto il profilo organizzativo, economico e di implementazione e monitoraggio, specificando anche il ruolo dell’Hta in ogni singola fase del processo di individuazione.
Italiano
Health Policy Forum 2010-2020. L’evoluzione culturale e l’adozione dell’Hta in Italia. Undici anni di lavori
979-12-80397-02-7
Kos Editrice
Cicchetti, A., Marchetti, M., Iacopino, V., Giorgi Rossi, P., Fiore, A., Coretti, S., Saverio Mennini, F., IL RUOLO DELL’HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT NELLA DEFINIZIONE DEI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA, in Americo Cicchett, A. C. (ed.), Health Policy Forum 2010-2020. L’evoluzione culturale e l’adozione dell’Hta in Italia. Undici anni di lavori, Kos Editrice, Roma 2021: 99- 123 [http://hdl.handle.net/10807/206834]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/206834
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact