Buona fortuna e scongiuri: una chartula lombarda del Trecento