“Gli italiani” costituiscono un fenomeno quasi completamente ancora da decifrare e comprendere. Il volume non intende porsi perciò come una storia del calcio, ma si articola attraverso una semplice struttura che, grazie a pochi importanti temi-chiave (Affari e Politica, Media e Narrazione, Patria e Campanile), si concentra sulla nascita dell’identità italiana esaminata soprattutto attraverso il nesso che lega Italiani e Nazionale. Verranno così esaminate l’evoluzione e le principali trasformazioni nel processo di “formazione” dell’apparentemente fragile senso dell’essere italiani, partendo dall’Italia fascista per arrivare alla Seconda Repubblica. In un volume centrato sul gioco del calcio, perfetta cartina di tornasole della società di massa, i due autori si propongono di indagare, attraverso uno sport tanto popolare e variegato nei suoi radicamenti sociali, le metamorfosi profonde del “cantiere Italia”, nel suo continuo divenire. Come e quando l’italianità prende le forme che conosciamo? Come e quando gli italiani intrecciano il proprio particolare tessuto di appartenenza nazionale? Come e quando si delineano le dinamiche di funzionamento del nostro Paese? Come e quando gli stessi dispositivi si inceppano? Le risposte si possono trovare proprio negli snodi di questa ricostruzione: nell’intreccio fra persistenti sentimenti campanilistici e effimero amor di patria, nella granitica volontà di perseguire gli interessi personali invece che il bene pubblico, nell’esaltazione della fantasia creativa associata a una apparente irrinunciabile pigrizia, nel pendolo che oscilla fra slanci entusiastici e passivo fatalismo, nella propensione a una stizzita autodifesa priva di orgoglio radicato. Tutti temi che emergono visibilissimi nei passaggi storici riflessi nitidamente dalla nostra ultra-secolare vicenda calcistica: la dittatura, l’avvento dell’era democratica, il miracolo economico, gli anni di piombo, il riflusso, il passaggio dalla prima alla seconda repubblica… L’Italia, come i più attenti osservatori compresero pressoché immediatamente, non è data da subito e comunque mai una volta per tutte. È questo un fattore che troppo spesso si trascura nella lettura della storia di un paese che – annichilente nei suoi superficiali limiti e difetti – sembra perennemente uguale a se stessa e come tale finisce per essere più o meno esplicitamente riassunta. L’Italia, invece, cambia: in continuazione e non di rado in profondità. Di sicuro assumendo molte e varie vesti. La pratica sportiva quale lente di osservazione rivela un interessante crocevia tra diversi ambiti d’indagine che vanno dalla storia politica a quella economica, dalla storia del costume a quella della mentalità, dalla storia urbana a quella dell’educazione e dell’istruzione, e così via. Tutte dimensioni che acquistano di volta in volta profondità e spessore all’interno del volume.

Lanotte, G., Colombo, P., Azzurri. Storie della Nazionale e identità italiana, UTET, MILANO -- ITA 2021: 323 [http://hdl.handle.net/10807/199106]

Azzurri. Storie della Nazionale e identità italiana

Gioachino Lanotte;Paolo Colombo
2021

Abstract

“Gli italiani” costituiscono un fenomeno quasi completamente ancora da decifrare e comprendere. Il volume non intende porsi perciò come una storia del calcio, ma si articola attraverso una semplice struttura che, grazie a pochi importanti temi-chiave (Affari e Politica, Media e Narrazione, Patria e Campanile), si concentra sulla nascita dell’identità italiana esaminata soprattutto attraverso il nesso che lega Italiani e Nazionale. Verranno così esaminate l’evoluzione e le principali trasformazioni nel processo di “formazione” dell’apparentemente fragile senso dell’essere italiani, partendo dall’Italia fascista per arrivare alla Seconda Repubblica. In un volume centrato sul gioco del calcio, perfetta cartina di tornasole della società di massa, i due autori si propongono di indagare, attraverso uno sport tanto popolare e variegato nei suoi radicamenti sociali, le metamorfosi profonde del “cantiere Italia”, nel suo continuo divenire. Come e quando l’italianità prende le forme che conosciamo? Come e quando gli italiani intrecciano il proprio particolare tessuto di appartenenza nazionale? Come e quando si delineano le dinamiche di funzionamento del nostro Paese? Come e quando gli stessi dispositivi si inceppano? Le risposte si possono trovare proprio negli snodi di questa ricostruzione: nell’intreccio fra persistenti sentimenti campanilistici e effimero amor di patria, nella granitica volontà di perseguire gli interessi personali invece che il bene pubblico, nell’esaltazione della fantasia creativa associata a una apparente irrinunciabile pigrizia, nel pendolo che oscilla fra slanci entusiastici e passivo fatalismo, nella propensione a una stizzita autodifesa priva di orgoglio radicato. Tutti temi che emergono visibilissimi nei passaggi storici riflessi nitidamente dalla nostra ultra-secolare vicenda calcistica: la dittatura, l’avvento dell’era democratica, il miracolo economico, gli anni di piombo, il riflusso, il passaggio dalla prima alla seconda repubblica… L’Italia, come i più attenti osservatori compresero pressoché immediatamente, non è data da subito e comunque mai una volta per tutte. È questo un fattore che troppo spesso si trascura nella lettura della storia di un paese che – annichilente nei suoi superficiali limiti e difetti – sembra perennemente uguale a se stessa e come tale finisce per essere più o meno esplicitamente riassunta. L’Italia, invece, cambia: in continuazione e non di rado in profondità. Di sicuro assumendo molte e varie vesti. La pratica sportiva quale lente di osservazione rivela un interessante crocevia tra diversi ambiti d’indagine che vanno dalla storia politica a quella economica, dalla storia del costume a quella della mentalità, dalla storia urbana a quella dell’educazione e dell’istruzione, e così via. Tutte dimensioni che acquistano di volta in volta profondità e spessore all’interno del volume.
ita
Monografia o trattato scientifico
UTET
Lanotte, G., Colombo, P., Azzurri. Storie della Nazionale e identità italiana, UTET, MILANO -- ITA 2021: 323 [http://hdl.handle.net/10807/199106]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/199106
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact