“Affioramenti”: novit  e scoperte per il libro italiano del Quattro e Cinquecento. Prima parte