Gli argomenti legati alla sentience, alla minimizzazione delle sofferenze e al benessere animale – pur da prospettive teoriche differenti — entrano nella costruzione delle norme a tutela degli animali in un intreccio di dimensioni epistemiche, etiche e giuridiche. Questo contributo propone uno sguardo all’interfaccia tra queste dimensioni – in particolare con riferimento ai fondamenti del diritto europeo sugli animali — considerandole come reciprocamente collegate, nel sendo che, nelle “società democratiche della conoscenza”, esiste un rapporto di legittimazione reciproca tra conoscenza e normatività etico-giuridica. Dalle previsioni in singoli ambiti normativi fino all’inserimento degli animali nel Trattato sull’Unione Europea (UE), la tutela dei non-umani è andata radicandosi in Europa. Pur con ritardi e inefficienze, sono numerosi i segnali istituzionali che spingono per un completamento coerente del percorso giuridico di tutela dei senzienti in cui il progredire della conoscenza sulle capacità degli animali si salda con il senso di cogenza morale avvertito da un crescente numero di cittadini europei: un percorso che, con le parole di Maurizio Mori, può essere definito come «la prospettiva di una nuova civiltà».

Tallacchini, M., Se sentire conta. La sofferenza animale tra morale e diritto, in Donatelli Piergiorgio E D'Orazio Emili, D. P. E. D. E. (ed.), La filosofia e l’impegno civile di Maurizio Mori. Quarant’anni di bioetica in Italia, Le Lettere, Firenze 2021: 343- 356 [http://hdl.handle.net/10807/194834]

Se sentire conta. La sofferenza animale tra morale e diritto

Tallacchini, M.
Primo
2021

Abstract

Gli argomenti legati alla sentience, alla minimizzazione delle sofferenze e al benessere animale – pur da prospettive teoriche differenti — entrano nella costruzione delle norme a tutela degli animali in un intreccio di dimensioni epistemiche, etiche e giuridiche. Questo contributo propone uno sguardo all’interfaccia tra queste dimensioni – in particolare con riferimento ai fondamenti del diritto europeo sugli animali — considerandole come reciprocamente collegate, nel sendo che, nelle “società democratiche della conoscenza”, esiste un rapporto di legittimazione reciproca tra conoscenza e normatività etico-giuridica. Dalle previsioni in singoli ambiti normativi fino all’inserimento degli animali nel Trattato sull’Unione Europea (UE), la tutela dei non-umani è andata radicandosi in Europa. Pur con ritardi e inefficienze, sono numerosi i segnali istituzionali che spingono per un completamento coerente del percorso giuridico di tutela dei senzienti in cui il progredire della conoscenza sulle capacità degli animali si salda con il senso di cogenza morale avvertito da un crescente numero di cittadini europei: un percorso che, con le parole di Maurizio Mori, può essere definito come «la prospettiva di una nuova civiltà».
Italiano
La filosofia e l’impegno civile di Maurizio Mori. Quarant’anni di bioetica in Italia
8893662906
Le Lettere
Tallacchini, M., Se sentire conta. La sofferenza animale tra morale e diritto, in Donatelli Piergiorgio E D'Orazio Emili, D. P. E. D. E. (ed.), La filosofia e l’impegno civile di Maurizio Mori. Quarant’anni di bioetica in Italia, Le Lettere, Firenze 2021: 343- 356 [http://hdl.handle.net/10807/194834]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/194834
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact