Spazi di riequilibrio nella "città diffusa"