Il metodo aperto di coordinamento in Italia: il caso dei contratti formativi