La prospettiva neoweberiana: Raymond Murphy