Una conversione epicurea nel sec. XVII: Ottavio Scarlattini, i due Epicuri e Lucrezio dimenticato