Sulla democrazia come modello "esigente". Soggetto, procedure e senso comune