Per concludere, una proposta. Usare la lente dell’impatto familiare per osservare la povertà relazionale