Adam Smith e le donne: emancipazione, indifferenza o discriminazione?