Poche righe per un anonimo secentista