"Non anonimo": il buco del nome