Riforma elettorale, la storia infinita