Dalla solidarietà alla rabbia. Il COVID non ci rende migliori