Il nazismo, il comunismo e i conti (veri) con la storia