Storia di un’“esagerazione isterico-fantastica”