Le eredità di Vanoni, Saraceno e Paronetto