Pensieri osceni. Tra cinema e prossimità