Il virus e la democrazia