Il monocromo come spazio di libertà