Finestre, serre, telescopi, acquari: lo sguardo dall'esterno nella descrizione proustiana