“La villa dopo la villa”: qualche considerazione conclusiva