Attrazione fatale. Ovvero il paradosso di Pinocchio e dell’animazione