Modelli sistemici e costruttivisti: quale luogo per il sé?