Non esiste spettatore innocente. Gli intellettuali sono chiamati a esercitare e condividere una lettura intelligente della realtà mai al servizio di un'ideologia: significherebbe non leggere affatto. Il contributo del professor Enrico Reggiani