Lo sport americano e la questione razziale: una sfida per Trump?