The Lady of the Camellias, by Alexandre Dumas fils Marisa Verna ed., Edizioni ETS, Pisa 2011 The drame à thèse by Dumas fils appears as a form of intelligent theatre, proposing moral reflections in at times explicit opposition against the vaudeville and the pure divertissement. Besides a new translation of the drama and of the preface by Dumas fils (previously published by EduCatt in 2008 for teaching purposes), the volume contains an introductory chapter which investigates the mythopoeic force and the canonicity of the text within the European and non-European cultures. The introductory essay aims at highlighting the intrinsic duality of the text which has originated the myth: of the two dramatic structures which make up the pièce the neo-romantic and the bourgeois one the former prevailed in the years and centuries following its creation, contrary even to any prediction of the author himself. The concluding essay analyzes two performances, in France and in Italy, acknowledged as crucial for the dramaturgical history of the text (since the staging history of this drama is immense, the analysis concerns one coeval performance and one from the 20th century). The essay is followed by a brief digression on the international staging success of the pièce and by a selected bibliography.

Il dramma a tesi di Dumas figlio si propone come un teatro “intelligente”, di riflessione morale, in più o meno aperta polemica con il vaudeville e il puro divertissement. Il volume contiene, oltre a una nuova traduzione del dramma e della prefazione di Dumas fils (edita a scopi didattici nel 2008 presso EduCatt), un capitolo introduttivo nel quale viene indagata la forza mitogena e la canonicità del testo per la cultura europea ed extraeuropea. Il saggio introduttivo si propone di mettere in luce l’intrinseca dualità del testo stesso, dalla quale si è generato appunto il mito: delle due strutture drammatiche presenti nella pièce (quella neoromantica e quella borghese), è la prima, contro ogni previsione dello stesso Dumas figlio a prevalere nei decenni e poi nel secolo successivo alla sua creazione. Nel saggio finale si propone invece l’analisi di due rappresentazioni considerate cruciali per la storia drammaturgica del testo (poiché la storia scenica di questo dramma è letteralmente immensa, si propone l’analisi di una rappresentazione coeva, e di una novecentesca), in Francia e in Italia. Segue un brevissimo excursus della fortuna scenica della pièce nel mondo, e una bibliografia selettiva.

Verna, M., (a cura di), Edizione critica di "Alexandre Dumas figlio, La signora delle Camelie. Traduzione, nota al testo, introduzione e postfazione di Marisa Verna. Introduzione e postfazione tradotti in lingua inglese" / ETS, Pisa 2011: 400 [http://hdl.handle.net/10807/1346]

Alexandre Dumas figlio, La signora delle Camelie. Traduzione, nota al testo, introduzione e postfazione di Marisa Verna. Introduzione e postfazione tradotti in lingua inglese

Verna, Marisa
2011

Abstract

Il dramma a tesi di Dumas figlio si propone come un teatro “intelligente”, di riflessione morale, in più o meno aperta polemica con il vaudeville e il puro divertissement. Il volume contiene, oltre a una nuova traduzione del dramma e della prefazione di Dumas fils (edita a scopi didattici nel 2008 presso EduCatt), un capitolo introduttivo nel quale viene indagata la forza mitogena e la canonicità del testo per la cultura europea ed extraeuropea. Il saggio introduttivo si propone di mettere in luce l’intrinseca dualità del testo stesso, dalla quale si è generato appunto il mito: delle due strutture drammatiche presenti nella pièce (quella neoromantica e quella borghese), è la prima, contro ogni previsione dello stesso Dumas figlio a prevalere nei decenni e poi nel secolo successivo alla sua creazione. Nel saggio finale si propone invece l’analisi di due rappresentazioni considerate cruciali per la storia drammaturgica del testo (poiché la storia scenica di questo dramma è letteralmente immensa, si propone l’analisi di una rappresentazione coeva, e di una novecentesca), in Francia e in Italia. Segue un brevissimo excursus della fortuna scenica della pièce nel mondo, e una bibliografia selettiva.
ita
eng
978-884673007-7
Recensione al volume in in Etudes Romantiques. CNRS http://etudes-romantiques.ish-lyon.cnrs.fr/creditions.html
Verna, M., (a cura di), Edizione critica di "Alexandre Dumas figlio, La signora delle Camelie. Traduzione, nota al testo, introduzione e postfazione di Marisa Verna. Introduzione e postfazione tradotti in lingua inglese" / ETS, Pisa 2011: 400 [http://hdl.handle.net/10807/1346]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/1346
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact