Diversioni pensose dallo “sparo” della punitività (post)moderna