La "mise en âbime" e il rilancio della sacra rappresentazione nella Firenze post-savonaroliana