L’attacco in Siria: una nuova mossa resiliente di Daesh?