La Corte costituzionale e la concorrenza