Il "Sarcofago della Signora" segno di una città in trasformazione?