Identità e differenza in un confronto critico con Heidegger