A recent normoteoretic perspective offers the opportunity to examine a profile that is a prodromal to the usual penalistic reflection on the legitimacy and effectiveness of penaltie. The focus is on the overall "system" balance between rules and sanctions, on the assumption that the "sanctioning" excess of a legal rule (such as that found in some representative samples of recent Italian criminal legislation) signals and deepens the defect of understanding and real control of social phenomena, just mirroting a stretch of our age that sees the knowledge replaced by information and the ability to have real "experiences" canceled by a temporality atomized in a succession of moments. The legal-literary perspective (“law and literature”,”justice and literature”) and in particular an "interactionist" interpretation of Goethe's Iphigenia in Tauris, illuminates how much such "excess" leads away from a "human" (albeit "diabolically") model of law and aggravates the more general "motivational deficit" of modern secularized liberal democracies.

Una recente prospettiva normoteoretica offre lo spunto per esaminare un profilo prodromico alla consueta riflessione penalistica circa la legittimità ed efficacia delle pene comminate. L’attenzione è rivolta al complessivo equilibrio “di sistema” tra norme e sanzioni, sul presupposto che l’“eccedenza” sanzionatoria di un ordinamento (quale quella rilevata in alcuni campioni rappresentativi della legislazione penale italiana recente) ne segnali e approfondisca il difetto di comprensione e reale controllo dei fenomeni sociali, peraltro speculare a un tratto della nostra epoca che vede la conoscenza sostituita dall’informazione e la capacità di “fare esperienza” annullata da una temporalità atomizzata in una successione attimi presenti. La prospettiva gius-letteraria, e in particolare un’interpretazione “interazionistica” dell’Ifigenia in Tauride di Goethe, illumina su quanto una tale “eccedenza” allontani da un modello di diritto (sia pure “diabolicamente”) “umano” e aggravi il più generale « deficit motivazionale » delle moderne democrazie liberali secolarizzate.

Forti, G., UNA PROSPETTIVA « DIABOLICAMENTE UMANA » SUL RAPPORTO TRA NORMA E SANZIONE NELL’ORDINAMENTO PENALE, in C.E.Palier, C., F. Vigan, F. V., F.Basile.G.L.Gatt, F. (ed.), La pena, ancora: tra attualità e tradizione. Studi in onore di Emilio Dolcini,, Giuffrè Editore, MILANO -- ITA 2018: 187- 222 [http://hdl.handle.net/10807/123072]

UNA PROSPETTIVA « DIABOLICAMENTE UMANA » SUL RAPPORTO TRA NORMA E SANZIONE NELL’ORDINAMENTO PENALE

Forti, Gabrio
Primo
2018

Abstract

Una recente prospettiva normoteoretica offre lo spunto per esaminare un profilo prodromico alla consueta riflessione penalistica circa la legittimità ed efficacia delle pene comminate. L’attenzione è rivolta al complessivo equilibrio “di sistema” tra norme e sanzioni, sul presupposto che l’“eccedenza” sanzionatoria di un ordinamento (quale quella rilevata in alcuni campioni rappresentativi della legislazione penale italiana recente) ne segnali e approfondisca il difetto di comprensione e reale controllo dei fenomeni sociali, peraltro speculare a un tratto della nostra epoca che vede la conoscenza sostituita dall’informazione e la capacità di “fare esperienza” annullata da una temporalità atomizzata in una successione attimi presenti. La prospettiva gius-letteraria, e in particolare un’interpretazione “interazionistica” dell’Ifigenia in Tauride di Goethe, illumina su quanto una tale “eccedenza” allontani da un modello di diritto (sia pure “diabolicamente”) “umano” e aggravi il più generale « deficit motivazionale » delle moderne democrazie liberali secolarizzate.
Italiano
La pena, ancora: tra attualità e tradizione. Studi in onore di Emilio Dolcini ,
978-8814-225710
Giuffrè Editore
Forti, G., UNA PROSPETTIVA « DIABOLICAMENTE UMANA » SUL RAPPORTO TRA NORMA E SANZIONE NELL’ORDINAMENTO PENALE, in C.E.Palier, C., F. Vigan, F. V., F.Basile.G.L.Gatt, F. (ed.), La pena, ancora: tra attualità e tradizione. Studi in onore di Emilio Dolcini,, Giuffrè Editore, MILANO -- ITA 2018: 187- 222 [http://hdl.handle.net/10807/123072]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/123072
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact