Il patrimonio immobiliare della Chiesa di interesse culturale: risorsa o zavorra?