Un’eredità che non si corrompe. A vent’anni dalla morte di Luigi Cagni