L'evidenza del mondo. Cinema contemporaneo e angoscia geografica